2018.12.14 Venerdì della II settimana di Avvento

segnalibropec

 

Ascolta con attenzione il brano del Vangelo di oggi e lasciati trasportare dalle Sue Parole.

La Parola di oggi viene dal Vangelo secondo San Matteo.

In quel tempo, Gesù disse alle folle:

«A chi posso paragonare questa generazione? È simile a bambini che stanno seduti in piazza e, rivolti ai compagni, gridano:

“Vi abbiamo suonato il flauto e non avete ballato,

abbiamo cantato un lamento e non vi siete battuti il petto!”.

È venuto Giovanni, che non mangia e non beve, e dicono: “È indemoniato”. È venuto il Figlio dell’uomo, che mangia e beve, e dicono: “Ecco, è un mangione e un beone, un amico di pubblicani e di peccatori”.

Ma la sapienza è stata riconosciuta giusta per le opere che essa compie».

Quante volte abbiamo giudicato male una cosa senza nemmeno preoccuparci di conoscerla? Quante volte siamo rimasti fermi sul nostro punto di vista, credendo che fosse l’unico giusto?

Non credi che sia importante riuscire ad aprire gli occhi e la mente alle novità? Dopotutto, Dio riesce sempre a sorprenderci!

In questo brano il Signore ci invita a riflettere su un tema molto importante: la scelta e il riconoscimento di ciò che davvero ci rende felici e di ciò che invece ci lascia col cuore affranto. Spesso ci capita di non riuscire a riconoscere la parola e i gesti di Dio nelle persone che ne professano la verità. Abbiamo paura di come queste parole potrebbero colpirci, abbiamo timore di aprirci allo Spirito Santo e quindi cerchiamo di porre un muro davanti alle Sue Parole, giudicando male le persone che vivono con amore e nella vera gioia di Dio, per evitare che ci giudichino e che ci tocchino.

Qual è l’atteggiamento giusto da adottare per aprire il proprio cuore e accogliere le parole del Signore? La chiave giusta è l’UMILTÀ. Solo con l’umiltà possiamo imparare ad essere curiosi di scoprire la Parola di Dio, anche se in alcuni casi dobbiamo metterci in discussione, accogliendo nel nostro cuore anche quelle parole che contrastano i nostri pensieri. Il bello della vita, infatti, sta proprio nell’ascoltare le parole d’amore del prossimo per accorgerci dei nostri errori e correggerli, in modo da poter stare in pace con se stessi e con gli altri.

Chiedi allo Spirito Santo di aiutarti ad ascoltare senza paura e con umiltà e amore le parole del Signore poiché solo accogliendole potrai vivere con gioia!

Gloria al Padre e al Figlio, e allo Spirito Santo.

Com’era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli.

Amen.


Commento di Anna Colucci

Voci narranti di Eleonora Vittori e Lucia Renault

Musica di People Songs ft. Crystal Yates, Micah Tyler e Joshua Sherman: What Mercy Did For Me

Ispirato a bannermwd

Torna a Prego e Cammino.

Un commento su “2018.12.14 Venerdì della II settimana di Avvento”

  1. Lasciarci alle spalle ciò che è solo apparenza; é la strada che Gesù ci indica per camminare verso il Padre, insieme, uniti! Basta pregiudizi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *