2018.12.05 Mercoledì della I settimana di Avvento

segnalibropec

 

Prenditi del tempo per ascoltare la parola del vangelo. Cerca di aprire il tuo cuore allo Spirito Santo.

La Parola di oggi viene dal Vangelo secondo San Matteo.

In quel tempo, Gesù giunse presso il mare di Galilea e, salito sul monte, lì si fermò. Attorno a lui si radunò molta folla, recando con sé zoppi, storpi, ciechi, sordi e molti altri malati; li deposero ai suoi piedi, ed egli li guarì, tanto che la folla era piena di stupore nel vedere i muti che parlavano, gli storpi guariti, gli zoppi che camminavano e i ciechi che vedevano. E lodava il Dio d’Israele.

Allora Gesù chiamò a sé i suoi discepoli e disse: «Sento compassione per la folla. Ormai da tre giorni stanno con me e non hanno da mangiare. Non voglio rimandarli digiuni, perché non vengano meno lungo il cammino». E i discepoli gli dissero: «Come possiamo trovare in un deserto tanti pani da sfamare una folla così grande?».

Gesù domandò loro: «Quanti pani avete?». Dissero: «Sette, e pochi pesciolini». Dopo aver ordinato alla folla di sedersi per terra, prese i sette pani e i pesci, rese grazie, li spezzò e li dava ai discepoli, e i discepoli alla folla.

Tutti mangiarono a sazietà. Portarono via i pezzi avanzati: sette sporte piene.

Prova ad immaginare Gesù in questo scenario, seguito da molte persone; si tratta di uomini deboli e con dei forti disagi. In quel tempo le persone con disabilità erano considerate degli esseri inferiori, erano messe ai margini della società. Cerca di comprendere il loro stato d’animo. Secondo te perché seguono Gesù? Che cosa vedono in Lui? E soprattutto, come appaiono loro agli occhi di Gesù Cristo?

In questo brano del vangelo si affrontano due concetti meravigliosi e fondamentali. Prima di tutto la speranza, la folla che segue Gesù è costituita da uomini e donne che stanno male, che soffrono. Vedono in Gesù la forza per vincere il dolore e hanno fede in lui e nella sua parola. Nutrono così tanta fiducia che lo hanno seguito senza paura nonostante le loro difficoltà. Gesù allora guarisce le loro sofferenze e, mosso dalla compassione, compie un miracolo sfamandoli con i pani e i pesci che lui ha moltiplicato.

Dobbiamo chiederci se siamo in grado di metterci in gioco e seguire Gesù nonostante tutti i nostri difetti e le nostre difficoltà. Prova a dare fiducia al prossimo tuo. Chi nutre speranza e fede riceverà compassione e sarà saziato.

Chiedi allo Spirito Santo che ti aiuti ad avere fede in Cristo.

Gloria al Padre e al Figlio, e allo Spirito Santo.

Com’era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli.

Amen.


Commento di Mario Frascone

Voci narranti di Elena Renault e don Tomasz

Ispirato a bannermwd

Torna a Prego e Cammino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *