Elezione per il rinnovo del Consiglio Pastorale Parrocchiale


Cosa è il Consiglio Pastorale Parrocchiale?

Durante l’ultima cena, Gesù prega il Padre di custodire i credenti, perché siano una cosa sola. E aggiunge: “Io sono in loro e Tu in me, perché siano perfetti nell’unità” (Gv 17, 1). Lo Spirito Santo è Spirito di unità. Egli anima la vita dei singoli credenti e dell’intera Comunità, la rende dinamica, operosa, benevola.

È importante l’unione tra le persone, perché questa è la volontà espressa da Gesù e anche per essere coerenti con l’Eucaristia, attorno alla quale si fonda la Comunità cristiana, cioè la famiglia dei figli di Dio.

In Parrocchia si svolgono tante attività: catechesi, celebrazioni, raccolte di aiuti, feste, ecc. e tutto grazie all’impegno di molti volontari. Ma sono uniti? Come le pietre “singole” non sono niente mentre se sono unite costruiscono una casa, così è nella vita della Chiesa: occorre procedere insieme per poter crescere.

Il Consiglio Pastorale, che raccoglie i rappresentanti dei vari Gruppi parrocchiali, ha lo scopo di realizzare una condivisione delle attività per arrivare all’unità.

Quando si lavora singolarmente, ci può essere la tentazione di sentirsi unici, più importanti di altri, quasi in una posizione di potere. Gesù ci ha lasciato un modo per vincere questa tentazione: essere in Comunità; infatti se il potere è condiviso, se tutti si sentono corresponsabili della crescita dei fratelli, ogni lavoro viene fatto con spirito di servizio, per il bene della Comunità.

Da queste idee nasce il Consiglio Pastorale che non è un comitato di gestione della Parrocchia, né un gruppo religioso, né un consiglio di affari economici. Esso dovrebbe porsi domande come: “La vita concreta delle nostra Parrocchia corrisponde al suo dovere di portare il Vangelo all’uomo d’oggi? Che cosa lo Spirito Santo sta chiedendo alla nostra Parrocchia?”.

Inoltre il Consiglio Pastorale è un punto di raccordo tra tutte le realtà presenti in Parrocchia, è un momento in cui si concorda il calendario delle attività pastorali, è un luogo in cui si verifica l’efficacia dell’azione pastorale svolta durante l’anno.

Lo stile del Consiglio Pastorale è il dialogo perché la voce di ciascuno è necessaria: infatti lo Spirito Santo fa conoscere i suoi consigli attraverso le parole degli uomini, a volte i più semplici e i più umili.

 

Non occorrono particolari competenze per far parte del Consiglio Pastorale Parrocchiale. Vuoi candidarti? Non dire: “Sarò all’altezza delle aspettative della gente?” . Chiediti piuttosto: “Sono disponibile a lavorare con altri, in spirito di servizio e di unità?”.

 

L’impegno non è gravoso anche se importante e costituisce il “motore” delle attività parrocchiali. Il Consiglio si riunisce, ordinariamente, 6 volte nell’arco di un anno per un incontro nel dopo cena di circa 2 ore.

 

Come è composto il Consiglio Pastorale Parrocchiale?

Il Consiglio Pastorale parrocchiale, presieduto dal Parroco, è composto da 20 membri così suddivisi:

  • 9 rappresentanti dei gruppi presenti in parrocchia
  • 9 rappresentati eletti dalla popolazione
  • 2 membri nominati direttamente dal parroco

 

Come si procede per il rinnovo del Consiglio?

Entro sabato 31 marzo alle ore 12.00 si raccolgono le candidature per essere inseriti nella lista degli eleggibili. Le condizioni necessarie per candidarsi sono: aver ricevuto il sacramento della cresima, essere canonicamente domiciliati in parrocchia o essere stabilmente frequentanti la comunità.

Le candidature possono essere presentate personalmente al parroco o a un membro della commissione elettorale. Si può anche, se lo si ritiene utile, segnalare al parroco o a un membro della commissione elettorale un nominativo che si desidererebbe vedere inserito nella lista degli eleggibili. La Commissione provvederà a contattare la persona segnalata e a richiedere il consenso ad essere inserito in lista.

Sabato 7 aprile alle ore 18.00 in verranno esposti i nomi delle persone che si sono candidate per essere votate.

I nomi verranno resi noti suddivisi in tre liste secondo la fascia di età dei candidati: dai 18 anni ai 35 compiuti, dai 36 ai 55 compiuti, dai 56 in poi.

 

Quando si svolgeranno le elezioni?

Le operazioni di voto si svolgeranno Sabato 21 e domenica 22 aprile 2018 possono votare tutti coloro che hanno ricevuto il sacramento della Cresima sono canonicamente domiciliati in parrocchia o frequentano con stabilità la comunità.

Il seggio elettorale sarà allestito presso la Chiesa parrocchiale Santa Maria Ausiliatrice a Novoli e le operazioni di voto avranno luogo nell’orario delle Celebrazioni Eucaristiche e cioè: Sabato 21 aprile dalle ore 17.00 alle ore 19.00. Domenica 22 Aprile dalle ore 7.30 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 19.00.

La scheda elettorale riporterà i nominativi dei candidati suddivisi in tre liste secondo la fascia di età dei candidati: dai 18 anni ai 35 compiuti, dai 36 ai 55 compiuti, dai 56 in poi.

Ogni elettore dovrà esprimere il voto indicando fino a 3 preferenze.

Lo spoglio avverrà immediatamente dopo la chiusura del seggio elettorale.

Verranno proclamati per ogni fascia di età i 3 candidati che avranno ricevuto il maggior numero di voti. In caso di parità tra più candidati vengono eletti i più anziani in età.

 

Il nuovo Consiglio Pastorale si insedierà lunedì 7 maggio alle ore 21.15 e verrà presentato alla comunità nella celebrazione di domenica 13 maggio alle ore 11.30.

 

La Commissione elettorale che avrà anche la funzione di gestire il seggio elettorale è presieduta dal parroco don Simone Pestelli ed è composta da: Alessandro Bechini, Nadia Cosmi, Luigi Dioguardi, Francesco Leoni, Mariella Monaco, Maria Luisa Piunti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *