Quaresima

Un tempo di speranza verso la luce della Pasqua.

Non siamo in lutto, anzi, il nostro è un cammino di liberazione. La Quaresima rappresenta la strada della nostra vita, un’alternanza di speranze, cadute, salite al calvario, gioie e giornate di luce che ci porteranno alla nostra Pasqua.
Seguiamo la strada che Cristo ha percorso per primo e saremo sulla via della conversione.
Cristo ha affrontato il deserto e noi lo seguiamo. Lui è stato tentato e anche noi dobbiamo affrontare le tentazioni e superarle. Lui ci dona l’acqua viva per sopravvivere e noi la beviamo nei sacramenti, con la preghiera, con l’adorazione.
Lui è la luce che vince il buio e a noi è chiesto di alimentare quella piccola fiamma che ci è stata affidata con il Battesimo.

Quanto pensiamo al nostro Battesimo?
Siamo certi che lo Spirito Santo ci possiede da quel momento?
Ci facciamo guidare dallo Spirito?

Ognuno di noi cade come gli apostoli, forse perché spesso ci fermiamo a guardare le cadute degli altri, le loro debolezze, e giudichiamo… dimenticando che, come dice Papa Francesco, la coerenza, la capacità di amare, la testimonianza sono doni che dovremmo chiedere al Signore senza stancarci mai.

Accogliamoci come siamo, con il coraggio di ammettere i propri limiti, non sentendoci meglio di altri ma con un desiderio grande: chiedere alla Misericordia di Dio di farci nuovi, capaci di vederlo e viverlo nella nostra vita.

“Vi donerò un cuore nuovo.
Metterò dentro di voi uno spirito nuovo
Toglierò da voi il cuore di pietra
E vi darò un cuore di carne” (Ez.36,26)

Come sono belle queste parole, quanta speranza suscitano, quanto amore trasmettono!

  • Cosa significa per te essere coerenti nella vita?
  • Sai che Dio può cambiare il tuo cuore, se lo vuoi?

Ama Dio con tutto te stesso” ci viene chiesto… e noi pensiamo: per gli altri non avrò più posto? Come posso amare le persone a me care se non c’è più posto nel mio cuore? Ma Dio non è geloso…più lo amiamo e più “dilaterà” il nostro cuore esso diventerà così grande che saprà donare amore immenso.
E potremo dire “Sono cristiano perché Dio mi ha donato la capacità di vivere da cristiano”.

Il Signore ci spinga all’autenticità, ci doni di non fermarci alle parole, ci conceda di gridare il Vangelo con la nostra vita, con semplicità e coraggio.

  • Chiedi mai al Signore la capacità di testimoniare il tuo essere cristiano?
  • Pensi che gli altri guardino a come vivi la tua appartenenza a Cristo?
  • Cosa vuol dire, nella vita di ogni giorno, essere Suoi testimoni?
  • Sai di essere uno strumento di Dio? Anche per cambiare il mondo?

Signore,
cambia la direzione della mia vita.
Sostienimi quando mi vedi traballare.
Rialzami quando cado.
Mi fido della tua fedeltà,
so che sarai sempre lì a due passi da me.
Aiutami a superare le tentazioni:

di voler fare tutto da solo…
di sentirmi autosufficiente…
di credermi invincibile…

La contemplazione dell’Eucaristia è come la preghiera del girasole: esso gira la sua vita con il ritmo del sole. Il girasole che beve il blu del cielo, l’oro del sole e da esso si lascia riscaldare. (E. Ronchi)

Gloria al Padre al Figlio e allo Spirito Santo

come era nel principio e ora e sempre

per tutti i secoli dei secoli

amen

 


Il pieghevole è scaricabile a questo link
Torna a Guide per l’Adorazione Eucaristica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *